20 marzo 2014

 

Dal 18 al 23 marzo si svolgerà in 6 città italiane il primo IndebiTour, un viaggio contro la crisi sulle note della musica greca rebetiko.

IndebitoOltre alla proiezione del film “Indebito”, scritto da Andrea Segre Vinicio Capossela e diretto da Andrea Segre, che sarà presente in tutte le serate, suoneranno  alcuni dei musicisti protagonisti del film stesso: Theodora Athanasiou, Vassilis Korakakis e Stefanos Magoulas. Sono tra i più importanti giovani eredi della tradizione rebetika. Sono ragazzi di trent’anni residenti ad Atene, ma per loro il rebetiko nasce da un legame antico con le origini popolari e smirneiche di questa musica e cresce negli anni grazie alla collaborazione con alcuni dei maestri più validi della generazione precedente.
Theodora Athanasiou, autrice e insegnante di musica molto legata alla tradizione dei canti amanès dell’Asia Minore, ha una conoscenza profonda delle scale musicali makamia e si è formata grazie alla collaborazione con Evgenios Voulgaris e Dimitris Mistakidis, anche loro presenti nel film. Porterà in Italia il suo nuovo progetto Hapi Duet, creato insieme a Maria Ploumi.
Vasilis Korakakis, musicista e cantautore, è cresciuto in una famiglia di profughi fuggiti dalla catastrofe di Smirne e suo padre è uno dei suonatori di buzuki più stimato nella scena greca, Vangelis Korakakis. E’ proprio tramite il padre che Vassilis ha conosciuto Stefanos Magoulas, suonatore di chitarra e buzuki, con cui si esibisce spesso, come in alcune scene del film. Per Stefanos fondamentali sono state le esperienze con Manolis Pappos, anch’egli protagonista nel film, e con Stelios Vamvakaris, figlio del grande padre della musica rebetika Marcos Vamvakaris.
E’ grazie a loro che possiamo capire come il rebetiko sia lo strumento per esprimere le spine e i dolori che hai dentro, ancora di più oggi che la crisi ha moltiplicato ingiustizie e sofferenze senza tenerle più nascoste. Una situazione che a loro non fa paura, ma rabbia, dando la voglia di reagire ed esprimere. Il rebetiko, nato quasi cento anni fa, offre ancora oggi a loro e a chi li ascolta la strada per far sgorgare libertà e verità in modo profondo e vibrante.

IndebiTour sarà l’occasione per portare anche nell’Italia in crisi la forza e la dignità di una musica antica capace di insegnare rabbia e  amore ai più giovani.
Perché la Grecia non è un incubo da evitare, ma un laboratorio da cui imparare.

IndebiTour è organizzato da ZaLab, che a partire da aprile distribuirà il film in tutta Italia (per richiedere una proiezione scrivere a distribuzione@zalab.org)

Le date
18 marzo: Macao – Milano, ore 18.30 e 20.30
19 marzo: Cinema MPX – Padova, ore 21.00
20 marzo: Cinema Zero – Pordenone, ore 20.45
21 marzo: Labàs Spazio Occupato – Bologna, ore 19.00
22 marzo: Cinema Politeama – Fano, ore 21.15
23 marzo: Brancaleone – Roma, ore 20.30


Indebito

Grecia 2013. Nelle taverne di Atene e di Salonicco si perpetua l’antica tradizione dei rebetes, i musicisti che propongono il rebetiko, una forma di blues ellenico che affonda le sue radici in un passato di crisi diversa (e al contempo simile) a quella che colpisce oggi la popolazione. È una musica che si oppone, con i versi delle sue canzoni, al potere ed è, oggi come allora, portatrice di una corrente di ribellione al conformismo passivo. Vinicio Capossela va alla ricerca di questi musicisti e fonde la propria musica con la loro.

Indebito è stato girato in Grecia nel 2012 ed è stato presentato al Festival di Locarno 2013 come evento di apertura. Distribuito da NexoDigital in più di 80 sale italiane il 3 Dicembre 2013, è rimasto per due settimane in sala ad Atene ed ora continua ad essere proiettato in varie sale e vari festival in tutta Italia e non solo. È una produzione LaCupa e Jolefilm, in collaborazione con Rai Cinema.

Tagged with →  
Share →