cinema

Vivere di Franco Bernini

Soggetto: Bruno Restuccia
Sceneggiatura: Franco Bernini, Sandro Veronesi
Regia: Franco Bernini
Fotografia: Vincenzo Marinese
Scenografia: Marianna Sciveres
Montaggio: Carla Simoncelli
Suono: Alberto Amato
Costumi: Marianna Sciveres
Effetti Speciali: Grande Mela
Interpreti: Marco Paolini (il narratore), Toni Bertorelli (il generale tedesco)
Produttore: Giuliana Del Punta
Produzione: Paso Doble Film in collaborazione con JOLEFILM
Distribuzione Internazionale: Paso Doble Film
Distribuzione italiana: Paso Doble Film

anno di produzione: 2001
durata: 38′

La guerra e l’amore, il pianto e il riso, il peggio e il meglio che possa accadere a un uomo. A Roma, dominata dai nazisti nel 1943. L’uomo si chiama Vittorio De Sica. Facile parlare bene di lui oggi, ma allora… Allora è soltanto un “commediante”, qualcuno senza protettori. Un giorno una pattuglia di soldati tedeschi arriva sul set del film che sta girando e lo portano via dal loro comandante. Goebbels in persona gli ha scritto, gli ha mandato una richiesta che è un ordine. De Sica è in trappola. Ma… un narratore – Marco Paolini – trae dall’oblio questa storia. La storia di De Sica, ma anche la storia dell’Italia di allora, dell’eterna italianissima arte di arrangiarsi, delle nostre miserie e delle nostre nobiltà. Il narratore rievoca, suggerisce, interpreta. Forse, un po’, inventa.

Durante le riprese, scherzando ma non troppo, chiamavano Vivere “l’oggetto”. Non sapevamo come definirlo altrimenti. Film? No, perché si basa su fatti accaduti e mischia le sue immagini con immagini di repertorio. Documentario? Non solo, perché non si limita a ricostruire. […] L’“oggetto” parla di guerra, di cinema, di un modo tutto italiano di affrontare i drammi della vita. Parla di un uomo, Vittorio De Sica, che ha avuto il dono raro di capire il bene e il male, e di trasmetterci quello che sentiva. Ha avuto questo dono perché aveva il gusto del vivere […].

Franco Bernini

No posts found