tratto

Cerca un articolo

Il Gazzettino – Mal’Ombra, la S. Pietro story in un film

Rosà - L'altra sera sera a Torino è andata in scena la vicenda di San Pietro. Al Greenwich Village, sala 1, è stato proiettato il film "La Mal'Ombra" di Andrea Segre e Francesco Cressati, girato a Rosà tra 2006 e 2007 sulla storia del presidio. Una trentina di componenti il comitato ha raggiunto Torino in pullman per poter partecipare alla prima assoluta del film. "Nessuno di noi l'aveva visto in precedenza - ha riferito ieri Lorenzo Signori portavoce del comitato -, è stata una sorpresa emozionante. C'era lo stesso curatore del festival Nanni Moretti a vederlo, e alla fine c'è stato un lunghissimo applauso. La pellicola racconta davvero uno spaccato della vita di paese.Molto commosso era Stefano Zulian, perché proprio il 27 novembre ricorreva il quarto anniversario della sua aggressione, raccontata nei minimi particolari nel film".
Nel 2003, la sera del 27 novembre il presidente del Comitato di San Pietro Stefano Zulian fu colpito gravemente alla testa, dopo essere stato fermato e fatto scendere dalla sua macchina in via Puccini a Rosà. Gli autori del gesto non sono ancora stati identificati e dalle indagini degli inquirenti,comunque, non era emerso alcun tipo di collegamento con fatti specifici (si era indagato anche nel mondo dei biker). Il fatto provocò allora una impressione enorme a Rosà, con parte del paese di San Pietro che solidarizzò con fiaccolate e veglie di preghiera. Il film rievoca quell'episodio e tutta la vicenda San Pietro - Zincheria dal 2006 al 2007. Negli ultimi mesi i due registi Andrea Segre e Francesco Cressati hanno filmato vari aspetti della vita rosatese, compresa la campagna elettorale e l'elezione per la seconda volta a sindaco di Manuela Lanzarin. Segre chiese anche di poter intervistare la famiglia Bordignon, Giuseppe e il figlio Diego, proprietari della Zincheria Valbrenta. Ma i Bordignon declinarono decisamente l'invito, non condividendo la linea narrativa tenuta nel film. Gli imprenditori ieri hanno fatto sapere di avere incontrato il regista Segre a telecamere spente, per raccontargli le vicende degli ultimi anni dal loro punto di vista. "Ma porsi sotto i riflettori e spettacolarizzare vicende lavorative che si intrecciano con quelle personali, essendo la nostra una azienda a conduzione familiare, non l'abbiamo sentita come una cosa adatta a noi. La serietà che la nostra azienda deve avere la dimostriamo con i fatti, lontano da una popolarità che non ci appartiene".
La Zincheria da alcuni mesi ha avviato il ciclo produttivo, e recentemente ha fatto sapere di aver ottenuto la certificazione ambientale Iso14001. "Noi non siamo una Mal'Ombra incombente sul territorio, ma una azienda seria che ama la luce del sole" hanno detto ieri i Bordignon. Il Comitato continua a contestarne la presenza in paese. Il film di Segre e Cressati verrà riproposto presto a Padova e Conegliano.

Cerca un articolo